I luoghi del cinema in Sardegna

Dieci posti della Sardegna apparsi al cinema ed entrati nel mito. Scenografie naturali per capolavori d'autore, film di fantascienza, spionaggio e banditismo. Dalle spiagge al Supramonte.

1) Cala Luna

Una delle spiagge più belle e note del Golfo di Orosei deve la sua fama, almeno in parte, a uno dei film che più contribuirono a lanciare l’immagine della Sardegna come l’isola meravigliosa, deserta e selvaggia dove ambientare avventure di naufraghi. E’ il 1977 ed è proprio a Cala Luna che Giancarlo Giannini e Mariangela Melato interpretano “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto” di Lina Wertmuller.

Video: Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto

(foto di Mattia Vacca – Sardegna Digital Library)

2) Spiaggia rosa di Budelli

Nella spiaggia rosa di Budelli, la più famosa spiaggia dell’arcipelago della Maddalena, Antonioni girò una bellissima sequenza di Deserto Rosso (1964), il suo primo film a colori. E’ la scena della favola che la protagonista, Monica Vitti, racconta al figlio. Il posto è così bello da sembrare frutto di un sogno.

Video: Budelli, Deserto Rosso

3) Piscinas

Lunghe e spettacolari cavalcate nelle dune di Piscinas, marina di Arbus. E’ “Black stallion” (1979) di Carroll Ballard, prodotto da Francis Ford Coppola, girato in parte anche a Capo Caccia e a Li Cossi, Gallura. Anche in questo caso la costa sarda è il set ideale per storie ambientate in luoghi deserti e selvaggi. Ma ancora oggi è possibile cavalcare nelle dune di Piscinas, rimasta più o meno come all’epoca del film.

Video: Black Stallion

4) Il Supramonte

Aspri altopiani, monti e valli dal panorama mozzafiato. E’ il Supramonte, in più occasioni scelto come set naturale per girare storie sarde, come nel capolavoro di Vittorio De Seta “Banditi a Orgosolo” (1961). Nel supramonte di Oliena vennero girate alcune scene di “Una questione d’onore” con Ugo Tognazzi.

Video: Banditi a Orgosolo


(foto di Antonello Chiaramida – Sardegna Digital Library)

5) Cala di Volpe

Rocce dalle forme fantasiose e mare cristallino. Uno dei luoghi più belli della Costa Smeralda, Cala di Volpe, è stato il set per uno dei film della serie di James Bond: “007 – La spia che mi amava”, in gran parte girato in Sardegna.

Video: 007 The spy who loved me

6) S’Archittu

Il film non è tra i capolavori indimenticabili, ma è indimenticabile il posto, l’arco naturale di S’Archittu, comune di Cuglieri, dove atterra un’astronave nel film di fantascienza “2+5 Missione Hydra”, del 1966. Un’immagine della baia di S’Archittu appare anche all’inizio di “Notte d’estate con profilo greco, occhi a mandorla e odore di basilico” (1986) di Lina Wertmuller. Recentemente è stato girato qui anche “La leggenda di Kaspar Houser” di Davide Manuli, con Claudia Gerini e Vincent Gallo.

Video: 2+5 Missione Hydra

7) Cala Spinosa

Nel 1972 ha grande successo lo sceneggiato fantascientifico “A come Andromeda”. Una parte della storia si svolge su un promontorio che si affaccia sul mare del nord della Scozia, ma in realtà quelle scene vennero girate nel nord della Sardegna, in particolare nella bellissima Cala Spinosa, Capo Testa, a Santa Teresa di Gallura.

Video: A come Andromeda

8) Dune di Teulada

Grandi dune di sabbia bianchissima e acqua di un azzurro intenso. Uno degli episodi più belli del film “Ballo a tre passi” (2003) di Salvatore Mereu, quello della scoperta del mare da parte di un gruppo di bambini, è stato girato proprio qui, nella spiagga de Le Dune, nel comune di Teulada, località Porto Pino.

Video: Ballo a tre passi, la scoperta del mare

(foto di Parco di Montessu)

9) Capo Caccia

Nello spettacolare scenario di Capo Caccia, Alghero, sono state girate diverse scene celebri. Ad esempio la scena dell’inseguimento di “007 – La spia che mi amava”, ma anche alcune sequenze de “La scogliera dei desideri” (1968) con Elizabeth Taylor e Richard Burton. Un film bizzarro venne girato all’interno delle grotte di Nettuno, si tratta di “L’isola degli uomini pesce” (1979). Proprio nella grotta, secondo quanto riportato da un giornale dell’epoca, una comitiva di turisti ignara della presenza della troupe si era abbandonata a scene di panico vedendo uscire dall’acqua esseri mostruosi.

Video: La Scogliera dei Desideri

10) Capo Carbonara, stagno di Notteri

Uno dei luoghi più suggestivi della zona di Villasimius è lo stagno di Notteri. Separato da una sottile striscia di sabbia dal mare di Capo Carbonara, ha acque azzurre e poco profonde. In questa meravigliosa oasi vennero girate diverse sequenze di “La calda vita” (1964) di Florestano Vancini con Catherine Spaak e Gabriele Ferzetti.

Video: La Calda Vita

(foto: Sardegna Digital Library)

Leggi anche:

2 comments on “I luoghi del cinema in Sardegna

  1. bellissimo! Così di giorno vai a visitare la spiagia/la radura, e poi la sera ti guardi il film che hanno ripreso in quei luoghi!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *